Il Futuro Violato di Steve Jobs

 In La Hystoria

Nel 1984 Ridley Scott, già regista di Blade Runner, venne chiamato da Steve Jobs con lo scopo di realizzare un video pubblicitario per il lancio del Macintosh. Lo spot, della durata di un minuto, fu proiettato a circa cento milioni di americani durante il Super Bowl  di quell’anno. Il successo,  inutile scriverlo,  fu enorme. Lo spot si rifà al celebre romanzo di George Orwell dove il Grande Fratello, proiettato su uno schermo, si rivolge a schiere di lavoratori dalla testa rasata e da uniforme identiche. L’atmosfera grigia e inquietante viene spezzata, improvvisamente, dall’ingresso sulla scena di una ragazza bionda con canottiera bianca e pantaloncini arancioni che impugna un grande martello mentre viene inseguita da guardie in assetto antisommossa.

Mentre il Grande Fratello annuncia:<<Noi Vinceremo>>, il martello viene scagliato contro lo schermo esplodendo in un bagliore di luce e lasciando a bocca aperta i lavoratori. Una voce fuori campo annuncia:<<Il 24 gennaio la Apple Computer lancerà sul mercato il Macintosh. E allora vedrete perché il 1984 non sarà come il 1984>>.

Al di là del montaggio e degli effetti visivi che ancora oggi sono di grande impatto, lo spot incarnava pienamente i principi del fondatore dell’Aplle. Non dimentichiamo che Jobs era figlio della controcultura: praticante del buddhismo zen e fumatore d’erba, per tutta la sua vita continuò a identificarsi con hacker, pirati informatici e personaggi “folli” che con le loro azioni avevano reso possibile il futuro. Anche se molti nella controcultura ritenevano i computer il simbolo dello Stato che vigila su tutto e tutti, per Jobs i computer erano forti, rivoluzionari e fonte di potere costruttivo e propositivo; rappresentavano un modo per affermare la libertà individuale contro “i padroni“.

Jobs è stato un visionario, un genio, un idealista e un sognatore. Credeva in un futuro dove le “macchine” avrebbero salvaguardato la libertà di ogni singolo individuo! I computer sarebbero stati il mezzo per difendere i diritti e diffondere principi di libertà! Purtroppo, circa trent’anni più tardi dall’uscita del video e dopo la morte di Steve Jobs avvenuta nel 2011, un analista della NSA infranse definitivamente il sogno di questo futuro roseo facendolo apparire come un futuro violato.

La documentarista statunitense Laura Poitras passò al quotidiano tedesco Spiegel le diapositive che un agente dell’NSA, la cui identità è rimasta sconosciuta, aveva usato come introduzione di una presentazione top secret che spiegava le tecniche per penetrare negli Iphone. Il contenuto dell’articolo fu per molti un shock e le diapositive un insulto alla visione di Steve Jobs.

Nella prima delle tre diapositive al di sotto del titolo Servizi di localizzazione dell’Iphone, l’analista scrive: <<Chi l’avrebbe mai detto nel 1984…>>. Nella seconda diapositiva dove compare Jobs che tiene in mano un Iphone segue: <<…che questo sarebbe stato il Grande fratello...>>. Per poi arrivare all’ultima dove sotto all’immagine che ritrae una folla di consumatori, compare la scritta: <<…e che gli Zombie sarebbero stati clienti paganti. >>

Per Zombie si indicava il pubblico, ignaro che l’Iphone potesse offrire alla NSA nuove possibilità di intercettazione al di là di ogni immaginazione, rendendo il Grande Fratello di Orwell un principiante: i clienti paganti erano diventati zombie senza la volontà do Orwell.

Da Der SpiegelIl materiale non contiene indicazioni di spionaggio su larga scala sugli utenti di smartphone, ma i documenti non lasciano dubbi sul fatto che se il servizio di intelligence definisce uno smartphone come un bersaglio, si troverà un modo per ottenere l’accesso alle sue informazioni.

Foto in evidenza: un fotogramma del film Metropolis

Recommended Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search