Figli del Nulla

 In Lifestyle

Facebook non ha creato il male! Mister Z si è limitato semplicemente a creare un “vettore”. A tutto il resto ha pensato: << …la canticchiante e danzante me**a del mondo! >>. Lo strumento per dare a tutti la possibilità di esprimersi è stato realizzato: semplice, veloce e funzionale. Tante grazie Mr. Z! Si aprano le danze: la follia abbia inizio! Benvenuta frustrazione, benvenuta contraddizione, benvenuta alienazione. Ma che bell’humus alla base del social più “top” del pianeta Terra.

Io peso, io petulante, io moralista… mi sono guardato allo specchio e mi sono volontariamente condannato. Goodmorning Mr Z! I fuck your system. Sono carne da macello e sono destinato a morire e voi lo stesso: pseudo filantropi digitali di un epoca senza gloria. Si! Proprio voi che nel social puntate il dito contro tutto e tutti, quando nella vita reale avete fatto più danni di un fulmine, di un uragano e di un terremoto. Avete un grande coraggio a giudicare! Voi puri, voi eroi, voi al di sopra di Dio stesso che se esistesse o avesse tempo da dedicarvi saresti, adesso, privi di mani onde evitare di scrivere parole belle che non vi appartengono e parole di accusa che, in primis, dovrebbero consumare il vostro animo. Che la tastiera QWERTY venga messa al bando!

Voi affetti da sindrome della memoria corta!  Postate di tutto e di più per “accanirvi” contro altri “profili” che fanno e dicono le vostre stesse cose Ah! La coerenza che bella virtù e la memoria che bel dono. Vi atteggiate a medici, a opinionisti, a sindaci, a amministratori, a lider, a saggi… eppure la storia non si ricorderà di voi come non si ricorderà di me… mettetevi l’animo in pace! Perché la storia chiede i fatti e non parole. La storia chiede di assumersi le responsabilità ma, con tutto rispetto, non mi sembra questa una generazione in grado di sostenerla!

Il mondo analogico è diventato digitale così come digitale è diventato il paesello. Grazie Z… hai fatto un capolavoro! Bit d’odio, di rabbia, d’invidia che, con funambolismi degni del grande Garrincha, si fondono senza vergogna con bit di pace, amore e genuflessioni virtuali d’innanzi a foto di Madre Teresa e Padre Pio… poco importa se tra i due ci scappa di condividere anche un bello scatto dell’Adolf tedesco. Che confusione Bridget Jones. Ah! Santa coscienza. Il paesello digitale con i suoi “love”, i suoi “ti stimo”, i suoi “sindaco subito” ma con il coltello bello e affilato sempre pronto ad essere usato. Il paesello digitale che ha postato amore eterno ma se le tresche potessero parlare sai che musi gonfi nei vostri selfie di happy family. Che tristezza… “inquisitori” digitali.

Ma come fate a essere tutto ciò contemporaneamente? Io posso sfuggire a tutto ma non alla mia coscienza, alla mia storia personale, ai miei sbagli… e su questo rifletto ogni notte e su questo fondo il mio essere in divenire. Condannate l’uomo nero perché di colore e voi che l’avete dentro l’animo non vi mettete mai in dubbio. Ma come fate, continuo a domandarmi? Follia di questa epoca senza valori. Oracoli digitali di contenuti tristi e privi di senso. Oratori del nulla in attesa isterica del primo “like” mentre tutto scorre verso il declino. Tanti ossequi signori e signore “social digitali”… che i figli del nulla siano concepiti.

Foto in evidenza di Marion Wunder

Recommended Posts
Comments
  • Ivano Maestrelli
    Rispondi

    Complimenti! Un articolo che senza remore raggiunge l’obiettivo: evidenziare tutta la pochezza di questa generazione. Il titolo è azzeccatissimo.

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search